Home News Assistenti di volo FSTA: facciamo il punto.

FSTA: facciamo il punto

 

Nel corso della riunione del 22 novembre u.s. come anticipato dalla nostra comunicazione di sintesi del 23 novembre 2016, il Comitato dell’FSTA è riuscito a sbloccare l’avvio delle procedure per attivare il pagamento del biennio integrativo aggiuntivo, dopo mesi e mesi di pressioni effettuate ad ogni livello per superare quelle criticità normative, (determinatesi per effetto della modifica del Fondo) e ponendo la parola fine ad una situazione grave ed inaccettabile che ha creato immense difficoltà a molte centinaia di lavoratrici e Lavoratori del Sistema posti in ammortizzatore sociale.

La prossima riunione del Comitato è prevista per il 20 dicembre 2016 e restano da affrontare numerosi aspetti legati a numerose aziende che hanno fatto domanda di integrazione e che sono in attesa da mesi, di avviare il pagamento come AMS, Elifriula, Wind Jet.

Ricordiamo che grazie alla nuova lettura interpretativa che il Comitato ha proposto ed al lavoro del Presidente del Comitato oltre che alla fattiva partecipazione dei vari ministeri interessati (Lavoro ed Economia) all’attività del FSTA, è stato possibile approvare nella sessione del 22 novembre u.s. una delibera che ha consentito la frazionabilità del periodo di delibera, avviando la fase di pagamento ad iniziare da coloro che hanno già cessato qualunque forma di retribuzione della mobilità.

Ovviamente questo nuovo sistema (ovvero il frazionamento delle delibere) dovrà prevedere da parte di INPS una fase di ricalcolo delle somme in erogazione che sono state, come detto, riparametrate al nuovo periodo preso in esame. Ecco il perché ad oggi non sono ancora pervenuti gli importi che ricordiamo dovranno prevedere anche il pagamento degli arretrati. Attendiamo l’avvio dei pagamenti nel breve.

In merito alle problematiche emerse, ad esempio, per la società Alitalia Maintenance System, l’Inps ha comunicato che la sede territoriale competente sta procedendo ai necessari accertamenti in merito alla regolarità del Durc che ricordiamo a validità di 120 giorni dalla sua emissione e quindi sostanzialmente deve essere rinnovato, in presenza di nuove domande, ogni 4 mesi.

Stiamo effettuando ogni forma di pressione anche attraverso le funzioni interessate in seno all’azienda, affinchè sia tutto chiarito. Riteniamo che il ritardo sia frutto di un disallineamento di una qualche comunicazione, anche perché AMS è già interessata dall’effettuazione dei pagamenti di integrazione per una parte della sua popolazione professionale a conferma che il DURC aveva già risposto ai canoni di regolarità.

Per quanto concerne Windjet: la domanda è in fase istruttoria e quindi in definizione. Al momento non risultano segnalate problematiche diverse.

Per quanto concerne lo sciopero già proclamato a sostegno della vertenza che (secondo noi) ha consentito l’effettivo sblocco della situazione, è nostra valutazione volerlo mantenere in piedi sino a quando non avremo verificato che tutto il meccanismo di erogazione sia stato effettivamente avviato.

Riteniamo utile precisare, a seguito di richieste specifiche in tal senso, che tutti gli emolumenti derivanti da posizioni di ammortizzatore sociale determinano contribuzione valida ai fini del conseguimento del periodo utile per il calcolo della misura.

UGL Trasporto Aereo tra i numerosi servizi che offre è in grado di assicurare anche un’assistenza completa nella verifica dello stato della copertura pensionistica ed eventualmente attivare le più opportune azioni di correzione.

La nostra Organizzazione Sindacale, come noto, ha delegato un suo rappresentante in seno all’organismo del comitato di Vigilanza .

Invitiamo tutti gli interessati ad approfondire il tema o a ricevere chiarimenti di merito a contattare Stefano Pietrini, membro del Comitato, al numero 392/5331833.

Il prossimo comunicato è previsto per il giorno 20 dicembre 2016.

 

 

NO COMMENTS

Leave a Reply

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.