Home Categoria 1

Da domani 26 agosto al 3 settembre, il segretario generale dell’Ugl, Francesco Paolo Capone, insieme al segretario nazionale dell’Ugl Chimici, Luigi Ulgiati, e al segretario nazionale dell’Ugl Trasporto Aereo, Francesco Alfonsi, sarà a Buenos Aires per una serie di incontri con esponenti del sindacato CGT, per la firma di accordi e protocolli d’intesa, e del governo argentino.
Un viaggio già programmato agli inizi di agosto, quando il segretario generale aveva incontrato l’Ambasciatore argentino a Roma, Tomas Ferrari, in cui si è discusso delle tante questioni che riguardano il mondo del lavoro in Italia e dei problemi legati ai fenomeni migratori.
“Vogliamo essere – spiega Capone – un punto di riferimento per i nostri connazionali residenti all’estero, che spesso trovano numerose difficoltà nei rapporti con le autorità politiche, amministrative e previdenziali italiane. Il nostro patronato opera con grande impegno per dare assistenza agli italo argentini, anche attraverso una migliore informatizzazione dei servizi. Questa è una prima tappa del percorso finalizzato a promuovere un rapporto più stretto tra le comunità italiane nel mondo – aggiunge – e l’Italia”.
Durante la settimana, il segretario generale dell’Ugl parteciperà ad un convegno che si terrà presso l’Istituto universitario di specializzazione dell’Ordine degli Avvocati di Buenos Aires, ed è inoltre prevista una conferenza stampa nella Casa Rosada, la Casa di governo della Repubblica Argentina.

Nella prima giornata di incontri istituzionali in Argentina, il segretario generale dell’Ugl, Francesco Paolo Capone, insieme al segretario nazionale dell’Ugl Chimici, Luigi Ulgiati, e al segretario nazionale dell’Ugl Trasporto Aereo, Francesco Alfonsi, ha incontrato il ministro del Lavoro Jorge Triaca e il sottosegretario alla Sicurezza Sociale, Malvis Paulucci. Un confronto in cui si è discusso delle problematiche legate al mondo del lavoro in Italia e in Argentina e che dà il via ad una stretta collaborazione con il sindacato proprio su questi temi, con l’invito a partecipare  a tre importanti eventi che si terranno a Buenos Aires, ovvero la conferenza internazionale dell’ILO sul lavoro minorile, che avrà luogo a novembre, il convegno WTO di dicembre sul commercio internazionale e soprattutto il G20 del 2018.

A sigillare questa stretta collaborazione sarà inoltre la sottoscrizione di protocolli d’intesa tra il Governo argentino e l’Ugl, che verranno firmati in occasione della prossima visita del Segretario Generale.

Durante la giornata la delegazione Ugl ha reso omaggio alla tomba di Evita Peron.

Oggi la delegazione Ugl incontrerà Stefano Canzio, ministro consigliere dell’ambasciata.

 

Incontro Sindacale al Mise

 

 

In data 4 agosto 2017 presso il Ministero dello Sviluppo Economico, su richiesta delle organizzazioni confederali è ripreso il confronto con le istituzioni e la società IAG Engine Center Europe.

Un confronto necessario per monitorare e verificare le problematiche precedentemente evidenziate dalla società ma anche per sondare le reali intenzioni dell’imprenditore.

Il management della società, rappresentato dal Dr. Larry Serlo, sulle criticità che in passato sono sempre state ritenute fattore di impedimento per gli obiettivi della società, non ha potuto questa volta attribuire i ritardi dell’avvio delle attività alla burocrazia o ad altri soggetti istituzionali quali: Adr, Enac, Curatella ed infine Gestione commissariale Alitalia Lai.

Durante questa interminabile fase di gestione, successiva alla crisi della ex Alitalia Maintenance Systems, tutte le parti si sono adoperate affinché la società IAG potesse ottenere, in tempi ragionevolmente brevi, le condizioni di impresa favorendo la ripresa dell’attività e la rioccupazione del personale qualificato.

Attraverso queste condizioni, possiamo dire che oggi la società IAG ha ottenuto dall’Enac la certificazione di impresa, una certificazione parziale esclusivamente per i motori CF6 50/80.

LA società, con andamento lento, ha avviato anche le procedure per l’ottenimento della certificazione FAA necessaria negli Stati Uniti per gli stessi motori e la procedura per un ulteriore certificazione ad Enac per i motori CFM 56.

Attualmente, manca la certificazione per il banco prova in quanto il ritardo attribuibile sempre ad altri, aeroporti di Roma e Curatela fallimentare per lavori di manutenzione dell’infrastruttura, sembrerebbe risolto a carico di ADR.

Lavori risolvibili in 90 giorni, cosa dire, l’arco temporale a distanza di un anno dall’acquisizione dell’asset industriale è ritenuto un tempo appropriato per il management della società, che peraltro dichiara l’importanza delle attività dei processi manutentivi dei motori, delle repair, delle parti da rilavorare, tutti con buoni propositi ma che non si configurano attuabili in trasparenza con l’operazione industriale.

Fiumi di parole utilizzate sino ad oggi, fatti concreti niente, di certo prevale solo la migrazione delle parti di ricambio di magazzino da Fiumicino a Miami, un piano industriale presentato un anno fa mai attuato che viene definito superato, poi recuperato, infine da correggere, contratti commerciali con quali clienti? non è dato sapere, bene, come dire giochiamo al buio, o per meglio dire facciamo come ci pare.

Una situazione al quanto imbarazzante per il fatto che questa partita si svolge sotto il controllo delle istituzioni italiane, Governo e Regione Lazio e che ad oggi non ha prodotto nulla.

Siamo consapevoli delle oggettive difficoltà che si possono incontrare nel corso di un’operazione industriale che possa permettere la ripresa di un’attività da noi ritenuta strategica nel settore aeronautico, ma a tutto c’è un limite. La società presenti un piano industriale serio e convincente, comprensivo dei necessari investimenti e indichi come progressivamente si possa riqualificare e rioccupare il personale. Si disponga favorevolmente alla sottoscrizione di un accordo quadro per i necessari adempimenti normativi e contrattuali.

Solo esclusivamente su queste basi, si può riprendere il confronto in assenza delle quali, le OO.SS,. che fino ad oggi si sono rese disponibili e responsabili, non permetteranno questo teatrino comico non più tollerabile. Se si vuole fare impresa seria e subito, non è difficile, fuori i soldi e si parte, altrimenti fuori dalle scatole.

Abbiamo la necessità di lavorare su partite che permettano di ridare speranza ai lavoratori fuoriusciti dal settore del trasporto aereo e che, attraverso il progetto per la riqualificazione e rioccupazione, socializzato e condiviso con le istituzioni Regionali, si possa arrivare alla risoluzione del problema che affligge anche i lavoratori della ex AMS.

Nei prossimi giorni, le OO.SS. metteranno in campo le necessarie iniziative tese al confronto con altre istituzioni del settore nel merito di possibili mancati adempimenti procedurali e contrattuali che, a nostro avviso, la società dovrebbe assolvere.

I passaggi espletati con le istituzioni, saranno motivo di confronto nella riunione che il Mise
ha già pianificato per il giorno 13 settembre.

 

Roma, 5 agosto 2017

 

I Dipartimenti Nazionali del Trasporto Aereo

Filt Cgil – Fit Cisl – Uil Trasporti Ugl Trasporto Aereo

Insinuazione al Passivo società Alitalia SAI

 

Gentili colleghi,

ad iniziare dalla giornata di domani, mercoledì 2 agosto, l’azienda inizierà ad inviare a tutti i lavoratori Alitalia SAI le previste raccomandate con all’interno il plico e le istruzioni utili per ricavare la propria datoriale; vi invitiamo a stampare e consegnare alla scrivente Organizzazione Sindacale il documento che troverete inserito nella Vostra specifica area.

Va precisato che la società che si occupa dell’inserimento delle lettere datoriali all’interno del suddetto sito internet, ha tempo sino al 4 settembre p.v. per completare tutti gli inserimenti di ogni singola posizione. Questo significa che non è detto che la propria lettera datoriale sia effettivamente disponibile dalla data di ricezione della raccomandata Alitalia.

Ricordiamo che la lettera datoriale dovrà indicare compiutamente ed in modo conforme i propri crediti vantati in Alitalia SAI alla data del 2 maggio 2017 e laddove Vi fosse uno scostamento nel suo contenuto, rispetto alle proprie previsioni, sarà necessario provvedere alla formulazione delle necessarie integrazioni. Anche in questo specifico caso, tutte le Strutture sindacali UGL TA assicureranno la più totale assistenza.

La consegna della lettera datoriale è necessaria per completare la pratica e consentire al nostro studio legale di procedere all’inoltro dei documenti secondo la procedura prevista dalla legge vigente.

Come sempre la nostra Organizzazione Sindacale manterrà la massima presenza per assicurare l’assistenza eventualmente necessaria; in ogni caso Vi invitiamo a contattarci per ogni ulteriore chiarimento.

Roma, 1 agosto 2017

 

Segreteria Nazionale UGL Trasporto Aereo