Prosegue il confronto con le Organizzazioni Sindacali di Categoria sulle tematiche relative al Personale Navigante Tecnico, oggetto di nostra procedura di raffreddamento.

Come UGL Trasporto Aereo, intendiamo fare una volta per tutte chiarezza sullo stato dell’arte per evitare che la solita regia disinformativa, possa determinare l’insorgere di elementi di divisione Categoriale che non vogliamo e che contrastiamo da sempre.

Questa doverosa premessa è necessaria proprio perché la copiosa produzione di fantasiose ricostruzioni circa posizionamenti sindacali rende necessaria una risposta chiara e netta, soprattutto scritta.

Sulle problematiche del PNT sono state svolte nelle settimane scorse, diverse riunioni su tutta una serie di temi importanti; segnaliamo prioritariamente ed a titolo di esempio, quelli relativi alle composizioni equipaggio del PNT lungo raggio.

A margine dell’ultima riunione, quella del 9 febbraio u.s., abbiamo riscontrato i primi timidi segnali di apertura al dialogo previa accettazione aziendale di alcune richieste sindacali che tuttaviariteniamo ancora insufficienti:

  • Programmazione per marzo della composizione a 4 piloti sulla Buenos Aires;
  • Programmazione per marzo a 3 sulla Toronto;
  • Impegno aziendale a prendere in considerazione l’aggiunta di un elemento sulla New York (az610);
  • Avvio di una fase di Trial per tutte le altre destinazioni che abbiamo richiesto fossero oggetto di integrazione ovvero San Paolo, Rio e Tokyo.

Come valutazione dell’ambito negoziale, pensiamo che questa apertura di dialogo concreta, registrata dopo mesi di latitanza aziendale, sia comunque un fatto positivo; le tesi che stiamo sostenendo, grazie all’impulso di moltissimi colleghi che ci stanno dando fiducia, è che sulle politiche della nostra Categoria si avvii un dibattito serio ed articolato che tocchi tutti i principali aspetti del nostro lavoro.

Dobbiamo infatti ragionare di:

  • Posti di Riposo sull’aeromobile A330;
  • Generi di Conforto ancor più alla luce della nuova normativa FTL;
  • Progressione di carriera primi ufficiali;
  • Circolarita’ ;
  • Cityliner.

Solo per citare alcuni dei principali aspetti afferenti l’attuale fase di confronto.

E’ un lavoro serio che richiede affidabilità e coerenza e non l’uso di artifizi normativi stiracchiati a seconda delle esigenze del momento che qualche sindacato sta mettendo in atto e che ormai tutti ben conoscono.

Noi andiamo avanti per la nostra strada e ce la stiamo mettendo tutta; lasciamo volentieri ad altri l’attività della “perdita di tempo” sport nel quale qualcuno, appare essere davvero molto bravo ma per fini che Categoriali non sono!

 

Roma, 17 febbraio 2016

 

Dipartimento Nazionale PNT UGL Trasporto Aereo